Gestire il denaro in viaggio

La gestione del denaro (cash, carte bancomat, carte di credito, etc.) non è un elemento da sottovalutare quando si decide di intraprendere un lungo viaggio ma anche una vacanza di alcune settimane, specialmente se si decide di andare in quelle parti di Mondo considerate meno sviluppate.

Due sono le regole che ho imparato fin da subito:

  1. la vostra carta bancomat/carta di credito che utilizzate tranquillamente in Europa potrebbe molto tranquillamente non funzionare all’estero, nonostante la vostra Banca dica il contrario
  2. Visa è sempre una certezza, Mastercard molto meno

Riguardo a questi primi due punti, parlo per esperienza personale. Ricordo con molto poco piacere i miei primi giorni in Australia, a più di 20.000 km dall’Europa ed a quasi 9 ore di fuso orario, e le telefonate con l’assistenza della BCC perché la mia carta di credito prepagata Mastercard era pressoché inutile per i pagamenti elettronici tramite POS come invece mi era stato confermato; e all’epoca non avevo molte altre carte con me, quindi vi lascio immaginare quanto frustrante possa essere trovarsi a dover pagare commissioni altissime per prelievi ridicoli di 250 euro a volta (circa 250 dollari australiani che bastano sì e no per meno di una settimana in questo Paese). La mia epopea bancaria la risparmio ai lettori di questo post ma sottolineo due cose molto importanti: le Banche non sempre hanno ragione quando si tratta di carte di pagamento e l’estero perciò stressate sempre tutti i dipendenti della vostra filiale o i vari centralinisti del customer care per farvi assicurare che le informazioni che vi sono state date siano valide e, se potete scegliere, scegliete sempre una Visa, molto difficilmente vi lascerà a piedi.

Da queste due regole, viene da sé l’altra infallibile regola per la gestione del denaro all’estero: cercate di partire con più di una carta di pagamento e, volendo, con anche più conti correnti. So che questa affermazione possa sembrare un po’ da Paperon de Paperoni (come mi fece notare una volta una cara amica) ma assicuro che moltissimi conti correnti online non hanno alcuna spesa di gestione (ad esempio CheBanca! o HelloBank) o spese di gestione molto basse (ad esempio Fineco o Fideuram) e commissioni sul prelievo più vantaggiosi di molti altri. Insomma, diversificare non è una brutta abitudine se state per partire per molto tempo perché, in caso succeda qualche cosa, avrete sempre una opzione di backup (sia che si parli del vostro conto corrente o di una carta di pagamento).

Lungi da me voler fare pubblicità ad un Istituto Bancario piuttosto che un altro ma ammetto che, in questo ultimo viaggio di un anno per il Mondo, Fineco è stata una scoperta meravigliosa. I costi di commissione per il prelievo di Fineco sono molto bassi (meno di 1.50 euro a prelievo in qualunque parte del Mondo), la gestione del conto è immediata e semplicissima da Desktop quanto da Mobile e, soprattutto, Fineco da la possibilità di gestire in totale autonomia e gratis eventuali blocchi esteri o massimali. Inoltre, la carta Fineco è una Debit Card, perfetta per i pagamenti POS, i prelievi ed anche gli acquisti online. Inoltre, una volta mi è stata persino accettata da una compagnia di noleggio (cosa che mi risultò un po’ strana perché non è una Credit Card standard). Insomma, se siete alla ricerca di uno strumento per il prossimo lungo viaggio, Fineco è consigliatissima.

Infine, un altro strumento a mio avviso molto valido è la famosa Postepay. Ahimè da qualche anno le Poste distribuiscono solo carte prepagate Mastercard e non più Visa, ma rimane comunque una ottima carta per tutti quei piccoli pagamenti che possono capitarvi durante un viaggio di mesi. Ad esempio garantire un pagamento su booking.com, o acquistare online da un portale non troppo sicuro (vedi il sito delle ferrovie indiane o un portale di acquisto di pacchetti escursioni). L’unica pecca di questa carta è che non è ricaricabile né online né dall’estero e quindi, a meno che non abbiate un familiare o un amico sempre disposto a farvi piccole ricariche (che, comunque, si pagano e non pochissimo), la mia strategia è sempre stata quella di caricare un importo X, di qualche centinaia di euro, e utilizzarla solo in certi casi particolari, mai per prelevare ad esempio (salvo il mio viaggio a Cuba dove era una delle poche carte accettate dagli ATM cubani) o per pagare importi grossi (come un biglietto aereo).

Infine, l’annosa questione, quanto cash mi porto?

La risposta, per me, è dipende! Hai intenzione di recarti 3 mesi in India/Sud Esta Asiatico o negli Stati Uniti? Vuoi viaggiare un anno o solo un mese?

Viene da sé che un viaggio in India o in Nepal di alcuni mesi, essendo il costo della vita piuttosto basso, potrebbe tranquillamente essere fatto portando con sé solo cash da cambiare di volta in volta alle Banche o presso uffici di cambio moneta (autorizzati o meno); mentre un viaggio negli Stati Uniti o in Canada portando con sé solo cash potrebbe essere complicato per la quantità di denaro da portare visto il costo della vita più elevato. O ancora, un viaggio di un anno presuppone di dover portare con sé migliaia di euro e voi vi sentireste sicuri a viaggiare portando con voi sempre grandi quantità di denaro? Io no, senza contare poi che alcune dogane non permettono l’inserimento nel Paese di grosse somme in cash (e a volte le grosse somme sono anche 5000 euro).

Perciò, onestamente, la mia regola di base di solito è sempre stata, anche in questo caso, diversificare! Non parto mai con cifre alte in cash, nemmeno per Paesi che hanno un costo della vita basso. Perché? Perché, banalmente, preferisco avere la sicurezza di viaggiare con poco cash (se mi derubano contengo il danno) e pagare una commissione di 1.50 euro a prelievo per garantirmi una buona serenità mi pare un ottimo compromesso.

Voi la pensate diversamente o avete un’altra strategia? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto!

Annunci

Una risposta a "Gestire il denaro in viaggio"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.