Cose che (forse) dovresti sapere prima di programmare un viaggio in India

Poco prima della mia partenza, a dicembre 2017, una cara amica mi ha raccontato dell’esperienza di viaggio in India di una collega di lavoro. A mio avviso, il racconto ha del surreale, ma funziona come buona premessa a questo post.

Tale collega di lavoro, chiamiamola Paola, sogna da anni di andare in India e, finalmente, dopo anni ed anni, trova il tempo ed il modo di recarsi nel subcontinente per un paio di settimane. Una volta nel paese, però, l’esperienza si rivela letale. Paola si fa ricoverare all’ospedale (causa intossicazione alimentare), rimane sgomenta dalle “regole igieniche” delle strutture sanitarie indiane e, per di più, torna in Italia raccontando che tutto in India è sporcizia, caos, animali per strada, disordine. Insomma, un disastro, un sogno infranto.

La prima volta che ho sentito questo racconto ho pensato, “ma dove diavolo credevi di andare Paola? Il tuo sogno nel cassetto era di andare in India e, in tutti questi anni, non hai mai letto niente a riguardo, visto un documentario o anche solo guardato Slumdog Millionarie? Incredibile!”. È vero, non ho mai conosciuto Paola e sono certa che la sua storia, come mi è stata riportata, sia incompleta (la mia amica non ha fornito molti dettagli), ma mi dà comunque lo spunto per parlare dell’India, di quello che ci si dovrebbe aspettare e di quello che forse si pensa di trovare e invece non è così.

Troppe volte, nell’arco di questi mesi, ho “sentito cose” sull’India che, a tratti, mi sono sembrate veritiere ed a tratti decisamente estremizzate se non stereotipate. Troppe volte, ho sentito persone parlare dell’India senza esserci mai stati o avendoci passato solo un paio di settimane a bordo di un taxi, protetti da una bolla magica. Troppe volte, ho comparato la mia India con quella di altri viaggiatori, sapendo che in realtà ognuno ha storie diverse a riguardo, perché l’India è il tipico paese che ti appare in un modo a seconda del tuo approccio verso di esso, a seconda del tuo umore e – soprattutto – a seconda della tua apertura mentale. Troppe, troppissime volte, ho sentito dire che l’India è pericolosa per le donne, un covo di stupratori e malfattori di ogni genere che sembrano pronti ad aggredire le bianche occidentali appena arrivate all’aeroporto.

È vero, l’India non è il paese più sicuro del mondo e, se si è donne, è buona norma e buona regola tenere sempre gli occhi aperti, anche il terzo se lo si possiede. Le donne vengono squadrate dalla testa ai piedi in India, vengono osservate senza ritegno e, a volte, può capitare che vengano toccate senza rispetto. Personalmente, non sono mai stata toccata in maniera promiscua nella mia permanenza nel subcontinente, ma altre viaggiatrici mi hanno fornito dettagliati resoconti su come siano state palpate per strada o su mezzi pubblici, perciò credo che questa componente del paese sia vera. Resta di fatto che tali racconti non devono fermare una viaggiatrice che abbia voglia di visitare il paese o che abbia voglia di viaggiare, anche di notte, su treni a lunga percorrenza o su autobus. La maggior parte della popolazione indiana è estremamente curiosa ma non è ‘mossa da cattive intenzioni’ e, di certo, non compierà azioni riprovevoli nei vostri confronti, anzi, il più delle volte cercherà persino di aiutarvi senza che voi lo chiediate. Un’altra buona percentuale poi cercherà di aiutarvi in cambio di denaro, ma di certo non vorrà torcervi un capello!

Un’altra cosa che è assolutamente vera dell’India è il caos, il disordine e la sporcizia per le strade. Montagne di spazzatura saranno uno spettacolo quotidiano tanto nelle grandi città quanto nei piccoli villaggi o centri urbani. L’odore dei fuochi e dei falò accesi per bruciare queste quantità di oggetti non riciclabili vi penetrerà nelle narici non appena arriverete all’aeroporto. Il tutto condito dall’odore della decomposizione, specialmente vicino ai mercati o alle zone più povere della città. Sì, c’è caos. Macchine, rickshaw, biciclette, persone, autobus, carretti, persone. Sono ovunque, vi sovrasteranno e suoneranno il clacson ogni secondo, fino a farvi dolere le orecchie. La cosa interessante è che però, per qualche strano motivo, (forse) finirete per amare questo caos. Rumori, odori, sensazioni, tutto portato all’estremo, tutto così estasiante. 

IMG_8775

Gli animali. La terza cosa decisamente vera dell’India è che ci sono sacre vacche indù, capre, pecore, cani, gatti, topi, praticamente ovunque e in libertà. Le vacche ed i cani poi hanno la passione per defecare senza ritegno e sdraiarsi nei posti più improbabili: nel bel mezzo di strade, vicoli, scale, marciapiedi (le poche volte che li troverete in India), entrate di negozi o ristoranti, spiagge, street kitchen, etc. OVUNQUE.

Infine, altra cosa decisamente vera dell’India, l’aria è densa di smog e polvere. A volte, specialmente in certe città come Mumbai o Varanasi, tossirete spesso per via di questa aria che dicono essere più letale del fumo di sigaretta. Se siete fumatori, bè, provate a considerare l’idea di smettere per un po’ durante il vostro viaggio in India, potrebbe farvi bene alla salute.

Tralasciando tutto ciò, l’India sarà sicuramente una delle esperienze più particolari della vostra vita. Perché incontrerete persone davvero meravigliose, perché avrete modo di avere conversazioni con stranieri dalle storie davvero non banali, con locali che faticano a mettere insieme un centinaio di euro al mese per vivere con famiglia e cinque figli ma che comunque non vorranno farsi offrire cibo o farsi dare del denaro. Perché la religione è ovunque, nel bene e nel male. Perché i sapori sono così intensi da farvi scoprire le papille gustative che non sapevate di possedere. Perché l’India è unica e non ha mezze misure.

DSCN0185

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.