Un mese in solitaria in Nuova Zelanda: ecco cosa ho imparato

Quasi un mese fa, sono partita dall’aeroporto di Melbourne per recarmi un mese in Nuova Zelanda, il mio primo viaggio in solitaria in un paese straniero. Non è stata la prima volta che mi sono trovata in un paese estero da sola ma è stata comunque la prima volta in cui ho viaggiato, sono stata una turista e una backpacker solitaria.

Insomma, un mese di viaggio in Nuova Zelanda, ecco cosa ho imparato:

1.Viaggiare soli significa dover vivere e convivere con la propria solitudine. I momenti di silenzio o di completo isolamento non mancheranno mai e, quando cercherete convivialità, sarà difficile trovarla, per cui, se vi capiterà l’opportunità inaspettata di stare in compagnia coglietela al volo.

2.Essenzialità prima di tutto. Viaggiare in solitaria significa che non si può ammortizzare sulle spese o dividere/condividere cibo, oggetti, etc. con compagni di viagio. Viaggiate leggeri ed evitate le confezioni famiglia quando fate la spesa, anche se costano di più.

3.Chiedere agli altri è sempre meglio che cercare di cavarsela da soli utilizzando smartphone o tablet. Nel tempo in cui avrete trovato una connessione a Internet, il vostro device si sarà scaricato e quando dovrete fare una telefonata rimpiangerete di non aver risparmiato batteria chiedendo al primo passante.

4.Adottare un ritmo e, soprattutto, una strategia di viaggio, di disfacimento dello zaino e di dieta alimentare è fondamentale. Così facendo, si risparmia tempo, denaro e soprattutto la frustrazione di non sapere dove si ha appoggiato gli occhiali, le chiavi, il cellulare, la felpa, le calze, le scarpe, il libro, il portafoglio, etc.

5.Sperimentare o, ancora meglio, osservare gli altri viaggiatori e imparare da loro. C’è sempre da imparare e i viaggiatori esperti sanno regalare delle vere e proprie “chicche”.

6.Diffidare dei tour organizzati a meno che non sia strettamente necessario. I pacchetti preconfezionati sono quasi sempre più cari e soprattutto privano di quella libertà che viaggiando da soli si ha conquistato. Organizzarsi per conto proprio o coinvolgere altri viaggiatori solitari è sempre l’idea migliore.

7.Chiedere agli autisti. Guidatori di taxi, bus, tram, camion, etc. sono depositari di una saggezza senza confini perché “viaggiano di mestiere” e hanno incontrato tantissimi viaggiatori.

8.Non prenotare mai un ostello a meno che non sia caldissimamente consigliato per motivi di alta stagione o sovraffollamento. Al massimo si chiama prima di fare tre chilometri a piedi per scoprire che è una situazione “no vacancy”.

9.Facebook è utile. Al di là del lato stalker di Facebook, questo social network è utilissimo per sfruttare ipotetici contatti di amici di amici di amici. Se la teoria per cui siamo tutti connessi da un massimo di sei gradi di separazione è vera, allora, è imperativo approfittarne.

10.Attaccare bottone con gli altri backpackers è utile, oltre che per fare amicizia, perché magari questi viaggiatori provengono dal paese che si ha intenzione di visitare a breve o perché – possibilmente – sono già stati in una località particolare e sanno dare i migliori consigli.

11.Portare sempre con sé un buon libro e, quando lo si ha terminato, lasciarlo in un ostello e prenderne un’altro preferibilmente in lingua straniera.

12.Imparare ad abbandonare e ad abbandonarsi. Oggetti, sentimenti negativi e positivi, persone incontrate per la strada e che ci hanno fatto stare bene, la stanchezza, la frustrazione, noi stessi, lasciarsi andare e lasciare andare oggetti inutili è un must del “viaggiatore leggero”.

13. La timidezza o la chiusura mentale non porta da nessuna parte. Essere aperti nei confronti degli altri è imperativo quanto saper stare da soli se si ha deciso di camminare per conto proprio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.