In data 27 settembre Le comunichiamo che "Lei ha scelto il male"

La scorsa notte ho sognato il Parroco della mia vecchia Parocchia. Era la notte di Natale, presumibilmente, ed io non volevo essere dove ero, ossia alla Santissima Messa di Natale. Dopo di che, come per ogni sogno che si rispetti, succedono delle imprecisate cose che mi portano a fuggire rocambolescamente verso casa mia con alle calcagna il Don, Don G. per questioni di privacy, armato di bastone e desideroso di darmele per bene. Questo non è uno dei sogni migliori che io abbia mai fatto ma una cosa è certa, se l’ho fatto c’è un motivo ben preciso.

Siete cattolici? Avete mai sentito parlare della possibilità di “sbattezzarsi”?

Anni fa, durante una delle solite chiacchiere contro il Clero e la Chiesa, un amico mi parlò della possibilità di “sbattezzarsi” ed io ne rimasi davvero colpita. All’epoca il mio amico mi descrisse la cosa in maniera un po’ lacunosa, infatti sostenne che era possibile cancellare il battesimo semplicemente inviando un fax. La cosa che mi rimase più impressa fu la questione del fax. Mi chiesi: sarà davvero possibile che la Chiesa permetta ai suoi “fedeli” di cancellare la propria appartenenza così facilmente? Insomma, non si può mica svegliarsi una mattina, inviare un fax in cui si scrivono due righe del tipo

“Scusate, quel giorno non ero proprio io a decidere o comunque ora non ci credo più, quindi cancellatemi dai vostri elenchi, tutto quello che dite voi non è mai successo, rimaniamo amici, grazie. Cordiali saluti”.

e pensare seriamente che la Chiesa permetta ai suoi fedeli di fare un “delete” allo stesso modo di un “unsubscribe” da una newsletter…o no?

Lì per lì rimasi piacevolmente impressa da questa possibilità e cominciai a pensare che forse era il caso che mi adoperassi e che facessi alcune ricerche. Il caso poi volle che dopo qualche giorno dalla chiacchierata decisi di lasciar perdere e dimenticai tutta la questione, ma mai mi scordai di questa possibilità.

Di anni ne sono passati parecchi e, da qualche mese, ho ponderato l’idea di attivarmi seriamente per reclamare e attuare il mio “sbattezzo”. Tramite Google è stato semplicissimo rintracciare il sito web della UAAR (Unione degli Atei Agnostici e Razionalisti), il loro blog, il loro account Twitter e Facebook e, naturalmente, la sezione dedicata allo “sbattezzo” e alla procedura per attuarlo.

Ne è venuto presto fuori che la procedura, non troppo dissimile da quella descritta dal mio amico (basta infatti inviare un fax o una lettera in cui si avanza la richiesta di “sbattezzo”), permette ad un fedele battezzato sotto la Chiesa Apostolica Romana di far cancellare il suo nominativo dai registri in modo tale da non essere più considerato aderente alla alla confessione religiosa di cui sopra. Il battesimo, visto dalla Chiesa come atto compiuto, è incancellabile (ovviamente, a meno che non si riesca a tornare indietro nel tempo dico io, anche se poi mi risulta che la Chiesa sappia tornare indietro nel tempo quando si tratta di matrimoni e Sacra Rota), mentre lo è il nostro nome dai loro registri. Questa azione, oltre tutto, proprio grazie all’Associazione della UAAR è un diritto di ogni battezzato e nessun Parroco, Prete di campagna, Vescovo o Papa può esimersi dal soddisfarlo.

Qualche giorno dopo aver reperito tutte le informazioni ho richiesto lo “sbattezzo” alla mia vecchia Parrocchia e ho cominciato ad attendere i fatidici 15 giorni necessari per ricevere la conferma delle mie volontà.Una settimana dopo l’invio della lettera, alle ore 12.30 di un giorno tra settimana, sento suonare al campanello. Il mio cervello mi ha subito fatto pensare che potesse essere la raccomandata proveniente dalla mia vecchia Parrocchia che mi confermava l’avvenuta esecuzione dello “sbattezzo”, purtroppo mi stavo sbagliando. A suonare alla mia abitazione era proprio il Don G. in persona che, come avevo presupposto, stava cercando di capire il perché di questa “scellerata” azione.

Con non poco savoir-faire credo di essere riuscita a fargli capire, tramite citofono, che le ragioni per cui sto facendo tutto questo sono personali, non sono imputate a lui (se non in minimissima parte) e tutto quello che deve fare è seguire il mio volere e rispettare i miei diritti civili. A tutto questo sono seguite adorabili diffamazioni che, oltre a non toccarmi assolutamente, hanno solo rafforzato la mia convinzione:

“Perché fai questo? Perché hai scelto la via del male?”.
Lo sai che questo è l’operato del diavolo?”.
“Voglio che tu me lo dica in faccia!” (Frase che al momento mi è sembrato più un cult de “Il Grande Fratello” che altro).
Io pregherò lo stesso dio per te anche se tu lo hai abbandonato“.
Non so se posso farlo, di che diritti staresti parlando?“.

Dopo aver ringraziato il Don G. per avermi concesso la grazia di pregare comunque il suo dio per me ho attaccato la cornetta del citofono e sono uscita per andare a lavoro. Tornata a casa, parlando con mia madre, lei, come tanti, mi ha semplicemente chiesto perché fosse così importante per me fare tutto questo e perché non me ne fregassi altamente.

Mi madre forse ha ragione e forse vuole solo evitarmi dei dispiaceri però io una cosa certa la so: io non credo in dio e, soprattutto, non credo nel loro dio. Non posso affermare che non esista niente, nemmeno una piccola forza sovrannaturale che si diverte alquanto a giocare con le nostre vite, però posso affermare che non voglio credere nel loro dio né in nessun altro dio. E – soprattutto – per coerenza, identità personale, civile e politica, non voglio sostenere né approvare la Chiesa Cattolica Apostolica Romana e, dulcis in fundo, non voglio essere loro “suddita”.

Il Catechismo della Chiesa cattolica rammenta (nn. 1267 e 1269) che il battesimo «incorpora alla Chiesa» e «il battezzato non appartiene più a se stesso […] perciò è chiamato […] a essere «obbediente» e «sottomesso» ai capi della Chiesa». Qualora non lo siano, le autorità ecclesiastiche sono giuridicamente autorizzate a “richiamare” pubblicamente il battezzato.

In Italia ci hanno negato e continuano a negarci tanto, almeno riprendiamoci le nostre idee, visto che possiamo. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.